4 Novembre 2021

Diario Aperto - Paolo Cuciniello - Storie e Riflessioni


Più e più volte ho scritto e cancellato, riscritto e ricancellato e riscritto ancora. Forse oggi niente scorre, o forse tutto scorre troppo velocemente. Ho da poco preso una pausa dal lavoro, anche se sono solo le 10.35 una seconda colazione oggi è lecita. Dopotutto da ieri il mio ufficio è ridiventato il mio soggiorno per via della situazione COVID in città, e la cosa non mi dispiace. Oramai dovremmo esserci abituati. E la cosa non mi dispiace, oramai… 

C’era troppo silenzio però in casa ed oggi quel silenzio era troppo forte. 

C’era troppo silenzio però in casa ed oggi quel silenzio era troppo forte.

C’era troppo silenzio però in casa ed oggi quel silenzio era troppo forte.

C’era troppo silenzio però in casa ed oggi quel silenzio era troppo forte.

C’era troppo silenzio però in casa.

C’era troppo silenzio.

Più e più volte ho scritto e cancellato, riscritto e ricancellato e riscritto ancora. Ma questa volta non ricancello. Questa volta invece, ricordo, quando il professore di disegno tecnico alle superiori ci diceva: “non usatela la gomma! Buttatela via! Non cancellate! Altrimenti come fate a vedere dove avete sbagliato? Altrimenti come fate a non ricascare nel loop di fare lo stesso errore tracciando e ritracciando le linee sempre nello stesso posto sbagliato? Non cancellate! Continuate! Anche se alla fine il risultato è un casino, non cancellate. Anche se alla fine il disegno è sporco..sarà pulito e chiaro per voi!

Quante volte ho cancellato cose e quante cose mi sono augurato di poter cancellare, a volte. Quante volte ho dimenticato che quei disegni sporchi di vita, alla fine, son risultati puliti e chiari per me, ora. Chi non siamo se non il risultato dei nostri errori passati?Anche quello siamo. Anche quello

C’era troppo silenzio però in casa. C’era troppo silenzio e i pensieri in testa si ripetevano. Si ripetevano. Si ripetevano. Si ripetevano… si ripetevano. Ma lo sapevi che più dell’80% dei pensieri che hai in testa oggi, sono gli stessi che avevi in testa anche ieri? Buffo, vero? Se non sbaglio la percentuale era persino più alta. Quanto legati a ieri siamo, pensa. Quanto legati e ripetitivi… il che male non è, se i pensieri di ieri erano belli e felici… ma prova a dirmi un po’ tu se invece non lo erano… 

A volte ce lo dimentichiamo ma ognuna delle persone che incontriamo ha paura di qualcosa. 

A volte ce lo dimentichiamo ma ognuna delle persone che incontriamo ama qualcosa. 

A volte ce lo dimentichiamo ma ognuna delle persone che incontriamo ha perso qualcosa. 

A volte ce lo dimentichiamo… che così come siamo tormentati noi dai nostri pensieri, così lo sono anche loro

C’era troppo silenzio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...